Mondo

Le fogne di Lahore, un lavoro da cristiani

Lahore - Photo AFP / Arif Ali

Più in basso di una fogna è impossibile andare anche perché chi si cala giù in uno di quei pozzi, è chiamato anche a scavare con le mani. Figurarsi poi se questo, sturare una fogna, diventa l’unico mezzo di sostentamento di una famiglia, e se la fogna in questione si trova a Lahore, in Pakistan, senza i mezzi di cui può disporre un collega di Roma o Milano e neanche il suo profumatissimo compenso.

E dunque, ogni giorno, a Lahore, c’è qualcuno che si cala giù nelle fogne della città, sfidando gas tossici, escrementi e altri rifiuti, per sturare gli scarichi di una metropoli di 11 milioni di persone.

E questo qualcuno è un cristiano perché i musulmani, che rappresentano la stragrande maggioranza degli abitanti, considerano questo lavoro indecoroso e impuro. Addirittura è capitato che alcuni medici musulmani si siano rifiutati in passato di curare un operaio intossicato per non toccare il suo corpo sporco e rimanere puri durante il Ramadan.

I cristiani in Pakistan costituiscono meno del due per cento della popolazione, ma occupano più dell’80 per cento dei lavori che coinvolgono la raccolta dei rifiuti, il lavoro nelle fognature e lo spazzamento delle strade.

La parola “chuhra”, tradizionalmente usata per descrivere coloro che lavorano nel settore dei servizi igienico-sanitari – e considerata estremamente dispregiativa – è ora sinonimo di essere cristiano.

In alcuni annunci di lavoro viene specificato che i lavori di pulizia sono riservati ai “non musulmani”.

Quanto guadagna uno spurgatore di fogne a Lahore? Nel servizio di AFP viene raccontata la storia di Shafiq  che dopo 22 anni di servizio riesce a portare a casa 44.000 rupie ($ 240) al mese, quasi il doppio dello stipendio degli spazzini e dei netturbini. Spesso capita di operare a distanza con un bastone di bambù, ma a volte bisogna entrare dentro, con stomaco e molto coraggio.

I rischi per la salute? Infezioni varie, tra cui tubercolosi ed epatite comuni, nonché malattie della pelle e degli occhi, per non parlare degli incidenti.

Un vero e proprio lavoro da poveri cristi, che per condizione sociale e l’impossibilità di far accedere i propri figli a un’istruzione superiore, legherà anche loro allo stesso destino, senza un’apparente via d’uscita.

Mauro Monti
Latest posts by Mauro Monti (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *